Maison

Maison


Costituita nel 1960 dal leggendario stilista Valentino Garavani e dal suo socio Giancarlo Giammetti, Valentino S.p.A. ha festeggiato di recente un traguardo significativo – il 50° anniversario – che ne consacra ulteriormente la tradizione e la storia di successo.
Grande protagonista del panorama della moda, la Maison Valentino continua a portare avanti la sua storica eredità grazie all’estetica stilistica di Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli.
Il marchio, tra i più rinomati al mondo, propone un ampio range di prodotti di lusso: Haute Couture, Prêt-à-Porter e una vasta collezione di accessori

che comprende borse, scarpe, piccola pelletteria, cinture, occhiali, sete e fragranze.

Il brand è presente in oltre 90 paesi attraverso una capillare rete retail sviluppata nei decenni che comprende più di 160 negozi Valentino gestiti direttamente nelle più eleganti vie internazionali dello shopping e in più di 1300 punti vendita wholesale.
Nell’ottobre 2008, Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli sono stati nominati Direttori Creativi, una scelta che si è rivelata vincente. Il duo creativo è riuscito a ringiovanire il marchio con collezioni di grande successo e accolte positivamente dalla critica.

Ipad_pmaison

Rimasti fedeli alla tradizione cinquantennale della Maison hanno rinnovato l’estetica stilistica con creazioni che sono al straordinariamente femminili e contemporanee.

Stefano Sassi, Presidente e CEO di Valentino S.p.A. dal 2006, la cui gestione è stata fondamentale per esaltare la rilevanza e il futuro potenziale della griffe, ha sostenuto la nomina del duo a capo della direzione stilistica.

Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli, hanno lavorato per oltre dieci anni sotto la direzione di Valentino Garavani, contribuendo al successo internazionale della nascente divisione accessori.
Dimostrando un senso di leadership

innato, un approccio corporate molto mirato e avvalendosi di un team stilistico interno di grandissimo talento, sono riusciti a sostenere in maniera eccelsa il nuovo corso.
Il duo ha esordito con la prima collezione Haute Couture a Parigi nel gennaio 2009, dando immediatamente prova della capacità di conoscere e di interpretare nel migliore dei modi l’universo Valentino.
Star di Hollywood, socialite ed esponenti di spicco della moda sono rimasti subito affascinati dalle loro creazioni, esprimendo un consenso unanime.
Sei mesi dopo, Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli hanno confermato il loro successo con la collezione di Haute Couture del luglio 2009,

esprimendo nuovamente con grande compiutezza la loro visione della donna Valentino. Un’idea nuova di femminilità e di eleganza estrema che diventa un modo di essere, la dicotomia tra due mondi, pervasa da una nota di unicità e distinzione.

L’AZIENDA OGGI

Nel luglio 2012, Mayhoola for Investments S.P.C., società partecipata da un primario investitore del Qatar, ha concluso un contratto d’acquisto con Red & Black Lux S.a.r.l. (indirettamente controllata dal fondo Permira insieme alla famiglia Marzotto) per l’intera partecipazione di Valentino Fashion Group S.p.A. (VFG).

Attraverso l’acquisizione di VFG, Mayhoola for Investments ha acquisito il controllo di Valentino S.p.A. e della licenza M Missoni, mentre MCS Marlboro Classics è stata scorporata dal gruppo. Red & Black continua a detenere una partecipazione di maggioranza di Hugo Boss, che non rientrava nell’operazione.
Il Fondo Permira e la famiglia Marzotto avevano acquisito il controllo di VFG attraverso Red & Black nel 2007, nell’ambito di una transazione più vasta che comprendeva anche una quota di maggioranza in Hugo Boss.
Un rappresentante di Mayhoola for Investments, ha individuato nell’esclusiva creatività e nel prestigio indiscusso del marchio

Valentino un forte incentivo per l’acquisizione, commentando: “Siamo rimasti colpiti dal lavoro fatto in questi anni dai Direttori Creativi, Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli, e da tutto il management team guidato da Stefano Sassi. La loro capacità di coniugare l’estetica, i valori definiti dal fondatore, Valentino Garavani, con una visione contemporanea e sofisticata ha reso il marchio estremamente attuale e con un grande potenziale di sviluppo.
Il nostro obiettivo è quello di supportare il management al fine di raggiungere una piena valorizzazione delle prospettive di questo magnifico marchio.
Crediamo inoltre che Valentino sia la base di partenza ideale per creare una più ampia presenza nel settore del lusso”.

Stefano Sassi, Presidente e CEO di Valentino, ha dichiarato: “Siamo molto soddisfatti di questa operazione. Negli ultimi anni, nonostante il mercato del lusso presentasse momenti altalenanti, l’azienda ha sempre operato con grande intensità e con un orientamento di lungo termine, finalizzato a cogliere a pieno le grandi potenzialità del marchio. Il lavoro svolto ha portato ad una sensibile crescita del fatturato, pari a circa il 60% tra il 2009 e il 2012. L’attuale positiva evoluzione di Valentino potrà essere ulteriormente accelerata con il contributo del nuovo azionista”.

STEFANO SASSI – CEO

Stefano Sassi è Presidente e Amministratore Delegato di Valentino S.p.A. e Amministratore Delegato di Valentino Fashion Group.

Nato a Varese nel 1960, Stefano Sassi è arrivato in Valentino nel dicembre 2006, quasi in concomitanza con l’uscita di Valentino Garavani e Giancarlo Giammetti, avvenuta nel settembre 2007, dopo i festeggiamenti per il 45° anniversario della Maison a Roma. Stefano Sassi è subito diventato una figura centrale per la definizione del futuro della gloriosa casa di moda, dirigendo abilmente l’azienda nella fase di turbolenza e supervisionando

la transizione alla nuova proprietà e direzione creativa.
L’impressionante lavoro svolto negli ultimi anni e la nuova visione per il marchio hanno portato all’acquisizione della Maison da parte di Mayhoola for Investments nel luglio 2012. L’accordo è stato firmato tra Mayhoola for Investments, veicolo di investimento sostenuto da un gruppo privato di investitori del Qatar, e Red & Black Lux Sarl, società indirettamente controllata dal Fondo Permira nell’ambito di una partnership con la famiglia Marzotto.

“Permira ci ha permesso di realizzare un piano industriale a medio termine che siamo riusciti ad attuare malgrado le difficili condizioni economiche.

Mayhoola for Investments garantisce la continuità in una prospettiva stilistica e gestionale. Un investitore che ha un’ambiziosa visione a lungo termine per il brand”, commenta Stefano Sassi.

La gestione di Stefano Sassi è coincisa con una nuova era per Valentino, fatta di crescita e redditività, sostenuta in parte da una base clienti più giovane. Il manager ha anche messo a punto una strategia basata su una rete di distribuzione coerente e un nuovo design per le boutique, comprese quelle della linea REDValentino. Nell’ottobre 2008, dopo il breve periodo di Alessandra Facchinetti alla guida creativa, Stefano Sassi si è fidato del suo istinto e

ha promosso al ruolo di Direttori Creativi Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli, gli stilisti già responsabili della linea accessori.
“Li ho vivamente caldeggiati in sede di consiglio per diversi motivi, tra cui la profonda conoscenza del marchio, la sensibilità, la visione stilistica e la lungimiranza nel capire le variabili e il potenziale del brand”, racconta Stefano Sassi. Insieme hanno creato un’identità stilistica coerente e di grande successo che spazia dal prêt-à-porter agli accessori e ai profumi, ed è acclamata in tutto il mondo. Nel 2010 viene siglato l’accordo di licenza Valentino Parfums con Puig, mentre nel giugno 2011, l’accordo globale di licenza per gli occhiali con Marchon.

L’esperienza di Stefano Sassi è multisettoriale e variegata, in quanto comprende moda, tessile e finanza. Tra il 1990 e il 1996, ha lavorato in Bain&Company, dove ha supervisionato progetti strategici e industriali, su scala nazionale e internazionale, per numerose grandi aziende di alto livello come FIAT, GFT e Ferrari.

Ha esordito nel mondo del tessile e della moda nel 1996 entrando in Cerruti 1881, dove ha lavorato in qualità di Direttore Generale e Consigliere di Amministrazione fino al 2001, quando è passato a Marzotto S.p.A con il ruolo di Direttore Generale della divisione tessile e poi, nel 2006, di Amministratore Delegato.

Direttori Creativi

Il senso di una contemporaneità che si nutre di contrasti, l’amore per il melange di input visivi, artistici, letterari, sintetizzati in una scrittura nitida e vibrante definiscono l’approccio stilistico di Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli. Contaminazione, di stili e di linguaggi, è la chiave del loro metodo.

Formatisi presso l'Istituto Europeo di Design di Roma, Maria Grazia e Pierpaolo incrociano i propri destini nel design studio di Fendi, stabilendo fin da subito una forte intesa professionale fatta di dialogo, stimolo reciproco, attenzione al presente.

Cd

Da Fendi si occupano degli accessori,
con una libertà e un gusto per la sperimentazione che si traducono in pezzi memorabili.

È Valentino Garavani in persona che li nota e li vuole al proprio fianco, affidando loro, nel 1999, il compito di creare una linea di accessori che interpreti lo spirito Couture della Maison. Il risultato è una collezione caratterizzata da un equilibrio inedito di tradizione e innovazione.

Nel Settembre 2007, in seguito alla decisione di Monsieur Valentino di ritirarsi dalla scena, Maria Grazia e Pierpaolo vengono nominati Direttori Creativi di tutte le linee di accessori.

L’anno successivo, la carica si estende alle linee di abbigliamento, uomo e donna e alla Couture: Maria Grazia e Pierpaolo sono Direttori Creativi Valentino.

La Maison intraprende un nuovo corso. Forti di un bagaglio tecnico gelosamente custodito negli atelier di Piazza Mignanelli, Chiuri e Piccioli scrivono una pagina nuova. Cambia la prospettiva; si evolve la donna di riferimento. Asciugate, ridotte a segno, la grazia e la preziosa delicatezza che sono nel DNA Valentino si fanno contemporanee; vivono di contrasti. Lo spirito del tempo entra in atelier, e spariglia le carte.

Maria Grazia e Pierpaolo concepiscono la direzione creativa come una operazione di design totale, nella quale abiti, accessori, scarpe, ma anche l’architettura dei negozi – affidata, quest’ultima, a David Chipperfield – creano un sistema di segni.

Tutto è espressione dello stile Valentino, senza distinzioni di sorta. Il messaggio è modernità senza tempo. Heritage e stile, tradizione e innovazione convivono nell’idea di un nuovo futuro.

IL NUOVO CONCEPT


Nel febbraio 2012, Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli hanno inaugurato la rinnovata boutique di Milano con il nuovo concept store, nato dalla collaborazione con il famoso architetto britannico David Chipperfield.
Il progetto nasce dal desiderio di preservare l’eleganza e la grazia che contraddistinguono la Maison parlando al pubblico di oggi. Un sapiente equilibrio in cui le decorazioni si trasformano in raffinati motivi fondendo contrasti in un design originale e senza tempo, di una leggerezza ariosa che evoca il passato strizzando l’occhio al futuro,

dove i ricordi di ieri sono rivisitati per le generazioni di domani.
Un susseguirsi di stanze, ciascuna delle quali è caratterizzata da un elemento iconico del linguaggio Valentino: un mosaico verticale di specchi nell’area dedicata alle scarpe o le scaffalature in noce americano degli accessori che evocano la biblioteca di un gentleman; la pelle grigia che riveste i camerini per rendere lo spazio più ovattato e personale; il gesso bianco delle pareti; il parquet; il marmo terrazzo su pavimenti e cornici.

In contrasto con la solidità degli elementi architettonici, la collezione è esposta su stand e scaffali in fibra di carbonio che seguono tutto il perimetro.

Questi elementi incorporano luci a LED, che permettono di illuminarli singolarmente e in modo quasi invisibile.
L’illuminazione dall’alto riflette la varietà di finiture e spazi, abbinando una luce diffusa nascosta e luci bianche e chiare sui prodotti, a una luce calda o lampadari decorativi posizionati al centro.

Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli volevano un concetto e una visione che diventassero il leitmotiv delle boutique Valentino, espresso attraverso elementi visivi e strutturali e una originale successione degli ambienti.

“David Chipperfield ci è sembrato da subito il personaggio ideale per operare questa trascrizione:

per la sua capacità sorprendente di governare e disegnare gli spazi, di creare una narrativa di superfici, di alternare con sapienza pieni e vuoti”, sottolineano Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli.

“David Chipperfield ha progettato spazi che trasmettono idee complesse attraverso un’esperienza sensoriale immediata che gioca con volumi e materiali.
Possiede il raro dono della sintesi ed è riuscito a tradurre efficacemente l’iconografia Valentino in uno stile fluido e senza tempo, giocando con i contrasti ma evitando il barocchismo.
Pensiamo che la memoria di un passato glorioso sia il vero lusso.”

Maestoso e raffinato, lo spazio sprigiona un senso solenne di calma e attinge agli elementi di maggior impatto del DNA di Valentino – il savoir faire couture – espressi in questo caso attraverso l’idea di un palazzo che rispecchia la dimensione monumentale di Roma, distillata in un’atmosfera preziosa e ricercata.
L’interpretazione dello spazio e la sequenza degli ambienti concepite da David Chipperfield esprimono uno stato d’animo solenne, intimo, che di rado si trova nella boutique tradizionalmente intesa.
Dall’ingresso ai camerini, aumentano progressivamente raccoglimento ed intimità:

il cuore vero della casa, infatti, è protetto dall’esterno. Gli angoli sono smussati per trasmettere un’idea di grazia e leggerezza.

Lo store concept di David Chipperfield è stato applicato a tutte le nuove aperture e ristrutturazioni.
Tra le più importanti ricordiamo – dopo via Montenapoleone a Milano – Beverly Hills, Hong Kong Landmark, San Paolo, Parigi-Avenue Montaigne, Shanghai IAPM, San Francisco mentre i flagship di prossima apertura saranno New York e Roma.
A Gennaio 2014, il nuovo store concept Valentino Uomo è stato presentato per la prima volta nel flagship parigino di Rue St. Honoré.

Collezioni



Valentino Haute Couture creazioni uniche realizzate in esclusiva nel prestigioso Atelier romano, dove un team di circa 40 sarte è interamente dedicato alla produzione di preziosi capi.


Valentino Prèt-à-Porter linee sofisticate ed esclusive per uomo e donna, che si rivolgono a una clientela contemporanea e internazionale.
Nel gennaio 2012, Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli hanno presentato per la prima volta con una sfilata la collezione di abbigliamento maschile a Firenze in qualità di ospiti d’onore di Pitti Uomo.

Gli stilisti hanno reinterpretato il concetto di tradizione sartoriale italiana e di attitude classico con una collezione che coniugava forme voluminose e asciutte arricchite da costruzioni artigianali.


Valentino Garavani linea completa di accessori, che comprende borse, scarpe, piccola pelletteria, cinture e bijoux per uomo e donna. Dettagli couture, fatti a mano, impreziosiscono tutte le raffinate creazioni.
I motivi iconici di Valentino - i fiori, i fiocchi e il pizzo - sono reinterpretati per ornare accessori incredibilmente moderni rafforzando una categoria che continua ad evolvere con successo.

REDValentino disegnata da Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli, debutta nel 2003. Una linea
giovane e romantica che reinterpreta i principali codici della Maison.
Una fiaba moderna che trasforma la realtà in immaginazione con creazioni sbarazzine, abbinamenti giocosi, tessuti impalpabili, finiture e dettagli delicati. REDValentino è disponibile in più di 100 punti vendita in tutto il mondo, tra cui i flagship store di Tokyo, Mosca, San Paolo, Cannes, Roma e Milano.

Il marchio Valentino propone anche collezioni di pellicce, sete, occhiali e una gamma di fragranze prodotte nell’ambito di accordi di licenza.

SHOP ONLINE